中文
Українська
Türkçe
Svenska
Српски
Shqip
Slovenščina
Slovenčina
Русский
Română
Português
Polski
Norsk (bokmål / riksmål)
Nederlands
Myanmasa
Latviešu
Lietuvių
한국어
ქართული
日本語
Italiano
Íslenska
Bahasa Indonesia
Հայերեն
Magyar
Hrvatski
Galego
Gaeilge
Français
Suomi
فارسی
Euskara
Eesti
Español
English
Ελληνικά
Deutsch
Dansk
Cymraeg
Česky
Català
Bosanski
Български
Беларуская
العربية
APRICOTSLA DIAMO AL PRIMO APPUNTAMENTO

Esplorando il mondo feticista

13/7/2015
Behind the obscene: Esplorando il mondo feticista

Eccoci arrivati al secondo episodio dedicato al feticismo. Nel primo abbiamo affrontato il tema dell feticismo dei piedi, che solitamente è ciò a cui si pensa quando si fa riferimento a questa parafilia. Però, come abbiamo già anticipato, il mondo feticista è così ampio che non possiamo limitarci ai soli piedi: qualsiasi cosa può essere un feticcio.

Proprio così: qualsiasi cosa.

Da capi di abbigliamento, in seta, cotone, pelle, latex e materiali ancora da inventare, passando per uniformi, giacche, peluche e addirittura automobili. È sufficiente fare una ricerca veloce su Google per trovare un’infinità di articoli dedicati al feticismo.

Noi ne abbiamo trovato uno molto interessante in cui viene fatta la Top Ten delle parafilie più strane; in esso si menzionano, tra le altre cose:

1. La agalmatophilia (attrazione per i manichini o le statue)

2. La formicophilia (piacere sessuale ottenuto con insetti sul corpo)

3. La acrotomophilia (eccitarsi con arti amputati, con o senza protesi)

4. E la hierophilia (eccitazione derivata dagli oggetti religiosi).

Un caso che è diventato abbastanza noto è stato quello di Edward Smith, un uomo il cui feticcio erano le automobili. Mechanophilia, si chiama così questa passione sfrenata per le macchine. L’uomo ha dichiarato di aver mantenuto relazioni sessuali con più di 1000 macchine, un vero cavallo da monta, questo Edward! La prima relazione sessuale “motorizzata” l’ha avuta con un Maggiolone Volkswagen, e ci è sembrata una cosa molto romantica e tenera. Ciò nonostante, ci è rimasto un piccolo dubbio: a livello pratico come si svolge una relazione sessuale con una macchina - inserendo il pene nella marmitta? o forse inserendo la marmitta nell’ano? Fatto sta che se Edward è arrivato a più di 1000 relazioni, la marmitta deve essere un’amante straordinaria, su questo non abbiamo dubbi.

Insomma, l’universo fetish non conosce limiti e non deve conoscerli, se così fosse sarebbe un sacrilegio. Se esistono limiti nel sesso, beh, bisogna infrangerli senza pensarci un solo momento. Chiedete alle ragazze cosa ne pensano, siamo sicuri che vi diranno la stessa cosa perché se c’è qualcosa che piace loro è sfidare le regole. Chiedete che vi propongano qualcosa e vedrete come vi sorprenderanno con ciò che sono capaci di pensare… e di fare!

Diamo per scontato che ognuno hai il diritto di vivere la propria sessualità con libertà e senza aver paura del giudizio altrui. Se vi piace strusciarvi contro una macchina, mettervi i crocifissi in orifici mai esplorati o avere il corpo ricoperto da insetti, beh, adelante! Non dovete reprimervi per il fatto di voler fare qualcosa non conforme al pensiero socialmente accettato e condiviso. Che siano il buon senso e il rispetto per il prossimo a guidarvi nella scoperta delle vostre fantasie più nascoste.

E ricordate, la comunicazione è importante. Se vi trovate in compagnia di una ragazza e volete sperimentare qualcosa di speciale con lei, dato che non ha una sfera di cristallo per vedere cosa vi passa per la testa, siate chiari, diretti e sinceri. Questo consiglio vi servirà sia perché lei faccia ciò che vi piace - un dito in culo quando ve lo sta succhiando, per esempio - sia perché voi non facciate qualcosa che non dovreste - morderle una tetta quando sta sopra di voi solo perché lo avete visto un film porno, non ci provare neache! Questa è la vita vera, sorry! Parlare chiaramente ed essere onesti può beneficiare ad entrambi, non dimenticatelo.

Condividi

E tu, che ne pensi?

Grazie per il tuo commento. Ti promettiamo di dargli un'occhiata non appena ci saremo rimesse le mutande.